Come camminare con noi

 

Avvicinarsi alla Comunità

 

Come gruppo comunitario de la Corte del Vento ci siamo confrontati su che tipo di frequentazione/avvicinamento si possa fare nei confronti della comunità, ed ecco quanto abbiamo deciso per ora.

Ci si può avvicinare alla comunità in vari modi:

 

Ospite

  • Versa un contributo volontario per la visita;
  • ha la possibilità di fare volontariato occasionale;
  • prende visione della versione sintetica degli Accordi di Base1;
  • se invitato da un componente della comunità, sarà costui a farsi carico dell’ospitalità;
  • è invitato ad aderire all’associazione.

 

Volontario

  • Legge e rispetta gli Accordi di Base1;
  • legge la Visione;
  • ha diritto di partecipare ai cerchi emozionali;
  • porta attenzione all’equilibrio tra dare e avere, sviluppando un atteggiamento di gratitudine per favorire l’abbondanza comunitaria;
  • porta un equo contributo di almeno 6 ore al giorno per 5 giorni a settimana di lavoro, in autoconsapevolezza, a fronte dell’accoglienza che riceve dalla comunità (vitto e alloggio);
  • aderisce all’associazione, la quale fornisce copertura assicurativa.

  

Interessato

  • Conosce ed applica progressivamente la Visione e gli Accordi di Base1;
  • frequenta i cerchi emotivi, secondo le proprie disponibilità;
  • sviluppa un’attitudine a dare più di quanto riceve, per favorire l’abbondanza comunitaria, consapevole che il luogo e la presenza del gruppo sono già un dono che si riceve. A tal fine è invitato a portare in dono cibo, offerte o altri contributi alla comunità;
  • ha la possibilità di fare delle attività in volontariato per poter dare espressione ai propri talenti e al contempo partecipare a lavori pratici necessari in comunità;
  • aderisce all’associazione.

  

Pre-member

  • Condivide la Visione della comunità;
  • grazie ad una frequenza regolare della comunità e ad una partecipazione coinvolta, porta e fa sentire la propria presenza;
  • applica gli Accordi di base1;
  • frequenta in modo assiduo le riunioni;
  • ha un’attitudine a dare più di quanto riceve, per favorire l’abbondanza comunitaria, consapevole che il luogo e la presenza del gruppo sono già un dono. A tal fine porta doni o altri contributi, secondo le proprie possibilità, per contribuire a sostenere e rendere possibile la vita comunitaria e l’accoglienza dei volontari quando necessario;
  • porta e fa sentire la propria presenza, cura, operosità secondo le proprie disponibilità, partecipando quando possibile ai lavori comunitari (autocostruzione, agricoltura, cucina, mantenimento degli spazi comuni, ecc.);
  • durante le riunioni decisionali ha diritto di parola ma non di voto;
  • aderisce all’associazione;
  • è invitato ad aderire alla cooperativa come socio ordinario (ovvero NON prenotatario di alloggio). L'adesione non comporta rischi né costi, salvo il versamento delle quote sociali e tassa di ammissione.

 

Membri

  • Condivide la Visione della comunità;
  • vive sul territorio (Tretto o Schio/Santorso) per lunghi periodi o sta facendo i passi per trasferirvisi;
  • applica gli Accordi di Base1;
  • frequenta in modo assiduo le riunioni;
  • ha un’attitudine a dare più di quanto riceve, per favorire l’abbondanza comunitaria, consapevole che il luogo e la presenza del gruppo sono già un dono. A tal fine porta doni o altri contributi, secondo le proprie possibilità, per contribuire a sostenere e rendere possibile la vita comunitaria e l’accoglienza dei volontari quando necessario;
  • porta e fa sentire la propria presenza, cura, operosità secondo le proprie. disponibilità, partecipando quando possibile ai lavori comunitari (autocostruzione, agricoltura, cucina, mantenimento degli spazi comuni, ecc.);;
  • si approccia alla comunità in autoconsapevolezza, considerando la comunità come un figlio di cui prendersi cura e nutrire;
  • aderisce all’associazione;
  • è invitato ad aderire alla cooperativa come socio ordinario (ovvero NON prenotatario di alloggio). L'adesione non comporta rischi né costi, salvo il versamento delle quote sociali e tassa di ammissione;
  • durante le riunioni decisionali ha diritto di voto.

I membri che sceglieranno di essere anche abitanti della Corte del Vento, e dunque soci prenotatari, parteciperanno anche alle spese per la costruzione delle aree comuni secondo le quote di pertinenza.

Vi è riserva di ammissione per chiunque, ovvero la comunità si riserva il diritto insindacabile di ammettere o meno i pre-member che ne facciano richiesta.

 

 

 

Note

1) Gli accordi di base sono al momento ancora da ultimare.

 

 

 

 

 

 

 

Fiore Permacultura

The Vision of

the Corte del Vento’s Community

 



The work on our common Vision was started by Erica, Andrea, Barbara and Lia between summer 2016 and spring 2017: our commitment allowed the project on the ecovillage to return to life. After this, our Vision was resumed and deepened by Alessandro, Nicolas and Caterina, who came to live at the Corte del Vento and joined our community during the autumn of 2017.

During this second phase of the work on our Vision we took inspiration from the Flower of Permaculture.

The present text is provisional, to be considered good enough for the present time and safe enough to be adopted, and it has been drafted and summarized by Erica and Andrea using common notes taken throughout group meetings. It has the purpose of orienting people who have already joined our community, as well as people who want to join it, towards a common direction.
Eventually it will be reviewed and complemented, responding to the needs of the community and the changes in the feelings of its members.

This text states a general view, while for common rules and other aspects we will refer to the Basic Agreements, still to be drafted.

 

 

 

 

 

The Community

The community is a collective field of awareness, vibrations, energies, far beyond the sum of its individual members.

The community, born from the collective spirit of its members, ultimately becomes the mother/guardian of all.

The community subscribes to the notion of collective resilience and it is founded on the principles of openness, efficiency, equality, inclusion, and mutuality.

Participation in the community is a free and responsible choice, made because of the awareness that there is a side of us that desires to be transformed by the relationship with others.

In the relationship with the other we decide to act with openness and mutuality, giving trust and being reliable; we understand that open confrontation and conflicts can become opportunities of growth. We also realize that problems, in a relationship, are always a mutual responsibility.

We take part in a community that knows its boundaries, recognizing clearly who belongs to it and who doesn’t. At the same time however, it keeps itself open to visitors, guests and volunteers, when there are the energies to receive their inputs and experiences. On this matter we will draft, and update with time, a document including clear directions for everybody, that will be available for whomever is interested.

The community is a place where one can rediscover what is essential, and at the same time experience the abundancy that fills our lives.

The Corte Del Vento will offer common spaces and private ones. Opportunities for socializing, mutual exchanges, common meals and shared work will be promoted, always respecting the need for private moments of each individual and each family joining the community.

We open ourselves with awareness to the people who live in the area surrounding the ecovillage, as long as this relationship can be sustained by the energy of the community and its members, in respect of the delicate balance between our need to network and our need for privacy. We aim to be a workshop for best practices and for the promotion of the local culture. In the basic agreements we will be outlining the methods for accessing spaces, duties and collaborations within the community, so that our vision can be translated into practical actions.

We want to create a community that is able to acknowledge the different and various arts that are necessary for its prosperity; from consensual decision-making methods, shared with awareness, to the implementation of the permaculture principles, empathic and conscious communication, feedback, discussion round tables and dragon dreaming.

We want the community to be able to invest in these kind of arts, in its facilitators and trainers, and to promote the circulation of this knowledge and the learning from other communities. We want to encourage a network of collaboration at local, bioregional and international levels; nevertheless, we want to be aware of how to balance the energy and the frequency of each exchange, according to the needs and the availability of the moment. We want to interact with new communities, to give out more than what we received.

With this purpose in mind, we want to facilitate travel opportunities or common experiences, also by visiting other communities or realities that could be source of inspiration.
In the community we will be giving the proper space not only to actions but also to communal planning, creativity and celebration, always remembering that these are fundamental phases of our development.

 

Flora e fauna (Land and Nature)

Here in our ecovillage we have a Permaculture approach.

We give value to biodiversity as a piece of community resilience, while at the same time aiming to promote agricultural productivity. In practicing natural agriculture, we experiment with different techniques, appreciating the pursuit of beauty and harmony, and according to the talents and knowledge of each group member.

We believe it is important to get in touch with our wild side, awakened by living in nature.

We encourage children to engage with nature, the land and vegetable gardens, respecting the value of the agricultural work.

We have respect for every living being.

We have chosen to not breed animals for food, but to use with gratitude and care their products and to appreciate their work.

The introduction of new animals, be they pet or working ones, will be evaluated by the group each time, allowing more autonomy to keep the animals in private spaces, but still asking everybody to consider the common vision in shared spaces.

 

Building

Within the ecovillage, buildings will be functional to the community and the needs of its members.

Each member will have the freedom to design and build their own home, always respecting the necessities of the community, where collective needs have more value than personal ambitions.

We pay attention to the life cycle and the ecological footprint of the materials we use.

We want to promote a basic type of building with a low environmental impact, so that our natural way of living will not become prohibitive.

We aim to create common spaces and we ask each member of the community to invest money and efforts to realize and maintain them.

During the design phase, we will preserve the beauty and the harmony between the buildings and the landscape, as well as try to enhance the energy and the resources of the region while respecting its limits.

We promote a shared self-built type of construction, which is considered a good practice of mutual support, cost reduction and direct connection with the place that hosts us and gives us shelter.

 

 

Technologies

We use technology, devices and tools that are durable, and that can give value to our talents and the energy of the place. In choosing which technologies to use, we consider the real benefits that they produce and their ecological footprint, willing not to be slaves of the fascination of continuous innovation.

We pay attention that the use of technology is done respecting the communal rhythms and spaces, making sure that they do not interfere with natural relationships within families and inhabitants of the community.

We encourage self-production, reuse, recycling, sharing, and caring while planning the cycles of our action as main instruments to reduce our need to adopt and produce new tools.

We envision a community that is able to be waste-free.

 

Culture and Education

We aim to create spaces and structures dedicated to the education and the sharing of knowledge both for children and grown-ups.

Each family chooses the educational path that is right for its own children in autonomy, but we want to encourage shared and libertarian forms of parental education in touch with nature, as well as mutual support amongst parents.

We identify children as the seeds of the future. We want to promote their active participation into the community and their gradual empowerment in it, according to their own capabilities, the development of their inclinations and the expression of their creativity. We protect the holiness of the relationship between parents and children and the time that has to be devoted to it.

We respect the local culture, the culture of our ancestors and the culture of all those populations who still preserve, with care and wisdom, the land that they inhabit.

We want to promote reading, the creation of a common library/video archive and the sharing of books and knowledge, ancient and new, that will help the implementation of our common vision.

 

Body and Spirit

We take care of our body and spirit, celebrating and being grateful for the life we have been given in the here and now.

We take care of the well-being of our physical body by leading active lifestyles, by promoting practices of body awareness, and through a diet that is attentive to the quality and variety of the basic ingredients and to the energy of foods, the latter related to their origin and the processes they have undergone. We also encourage the harvest of the edible wild plants that each season offers to us. We pay the same attention in feeding our animals.

We are open to all spiritual expressions and to their sharing, without seeking a single collective spiritual vision, but rather celebrating the diversity among us.

We celebrate a direct and respectful relationship with the elements of nature, and we foster the awareness of the spirit of the place (genius loci) in those who live in our community.

We have a deep respect for the key moments of life, which we express by preserving the sacrality of childbearing and by promoting home birth, natural breastfeeding, conscious education, caring for sick people, and the opportunity to experience old age and death with dignity and self-determination.

Working on ourselves to pursue happiness, wellness, harmony and awareness is a great gift that everyone can bring to the community. At the same time, it is an individual responsibility, in order to ensure our wellbeing within the group and the wellbeing of the group itself.

We encourage every opportunity for playing, dancing, and making art as means to let our soul and body flourish.

 

Economy

Economics is essential in an ecovillage, in order to develop all the other kind of sustainability (social, housing, ecological, spiritual, food...).

We want to create economic resources, based on practices and raw materials that respect the principles of natural and human sustainability, which allow the community to develop and grow, giving everyone the opportunity to participate, but at the same time without removing the possibility that everyone can also produce income outside of the community.

In the community decisions, we evaluate not only the economic costs but also the global energy ones, so that our savings do not translate into a cost for the environment.

We favor non-monetary economic forms, which include the exchange of products and services, time banks, and mutual aid.

According to the possibilities of the moment, we support the members of the community in developing their talents and ideas, so that they can be translated into opportunities for individual self-sufficiency and for the whole community.

Each member is responsible for self-support, and any support agreements from the community to the individuals will always be discussed and subject to common consent.

Each member is required to take part in collective expenses, even in different forms (money, time, work, services, etc.), according to agreements that will be defined and renewed over time.

 

 

 

Special thanks to all the translators: Alessandro Zane, Anthony Adornato, Barbara Bertoldo, Martina Losardo, Nicolas Porter and Vittoria Correale.   

 




Vision and Mission between 2016 and autumn 2017.

Fiore Permacultura

Visione della Comunità della

Corte del Vento

 



Dopo un primo lavoro di Visione comune fatto da Erica, Andrea, Barbara e Lia tra l’estate del 2016 e la primavera del 2017, che ha consentito al progetto di ecovillaggio di risorgere, abbiamo ripreso un approfondimento della Visione con Alessandro, Nicolas e Caterina, che nel frattempo sono venuti ad abitare alla Corte del Vento e hanno preso parte alla comunità, nell’autunno del 2017.

Per questo secondo lavoro della Visione ci siamo ispirati al Fiore della Permacultura.

L’attuale testo è provvisorio, da considerarsi abbastanza buono per adesso e abbastanza sicuro da essere adottato, ed è stato sintetizzato e steso, partendo dagli appunti comuni e dopo alcuni incontri di gruppo, da Erica e Andrea, ed ha il fine di orientare chi già aderisce e chi vuole avvicinarsi alla comunità sulla comune direzione.

Con il tempo potrà essere integrato e rivisto, rispondendo ai bisogni della comunità e al mutare del suo sentire.

Il testo esprime una visione generale, mentre per le regole comuni ed altro si rimanderà agli Accordi di Base, ancora da stilare.

 

 

 

 

Comunità

La comunità è campo collettivo di coscienze, di vibrazioni, di energie, ben oltre la somma degli individui.

La comunità è figlia di ciascuno, perché possa essere madre di tutti.

La comunità è resilienza collettiva e si basa sui principi della trasparenza, dell’efficacia, dell’equivalenza, dell’inclusione, della reciprocità.

L’adesione alla comunità è una scelta libera e responsabile di ciascuno, nella consapevolezza che una parte di me vuole essere trasformata nel rapporto con l’altro.

Nella relazione con l’altro agiamo con trasparenza e reciprocità, dando fiducia ed essendo affidabili, e vediamo i confronti aperti e i conflitti come occasioni di crescita di cui prenderci cura, riconoscendo che i problemi, nella relazione, sono sempre di reciproca responsabilità.

Partecipiamo ad una comunità che sa vedere i propri confini, riconoscere con chiarezza chi ne fa parte e chi no, pur mantenendosi aperta a visitatori, ospiti e volontari, quando vi siano le energie per accoglierne i contributi e le esperienze. A tal fine definiamo, ed aggiorneremo nel tempo, un documento con chiare indicazioni per tutti, che può essere richiesto da chi è interessato.

La comunità è il luogo dove riscoprire ciò che è essenziale, e al contempo sperimentare, l’abbondanza che permea le nostre vite.

Alla Corte del Vento vi saranno spazi comuni e spazi privati, si favoriranno le occasioni di convivialità, scambio, pasti condivisi e lavoro comune, pur nel rispetto delle esigenze di occasioni private da parte di ciascuno e delle famiglie aderenti.

Pratichiamo un’apertura al territorio in modo consapevole affinché sia sostenibile per le energie della comunità e dei suoi abitanti, nel rispetto dei delicati equilibri del luogo e degli spazi, volendo essere un laboratorio di buone pratiche e di valorizzazione della cultura locale. Negli accordi di base andremo a declinare le modalità di accesso ai luoghi e gli impegni e collaborazioni all’interno della comunità, affinché la visione possa tradursi in azione e pratiche.

Diamo vita ad una comunità che riconosca le molte arti che sono necessarie per il suo prosperare, da metodi decisionali consensuali condivisi con conoscenza, alla progettazione permaculturale, dalla comunicazione empatica e consapevole al feedback, dai cerchi di parola al dragon dreaming.

Che la comunità sappia investire in queste arti, nei suoi facilitatori e formatori, e che incentivi la diffusione di queste conoscenze e l’apprendimento da altre comunità. Che si incentivi una collaborazione di rete a livello locale, bioregionale ed internazionale, sapendo dosare energie e frequenze per ciascun ambito, secondo le necessità e le disponibilità del momento. Che si interagisca con comunità nuove, per donare più di quanto abbiamo ricevuto.

A tal fine, favoriamo occasioni di viaggio o esperienze comuni, anche nel visitare altre comunità o contesti che possano essere di ispirazione.

In comunità daremo il giusto spazio non solo all’azione, ma anche alla comune progettazione, creatività e celebrazione, ricordando che queste sono le fasi essenziali del nostro cammino evolutivo.



Flora e fauna (terra e natura)

In questo ecovillaggio adottiamo un approccio permaculturale.

Diamo valore alla biodiversità, puntando al contempo alla produttività agricola, come tassello della resilienza della comunità. Nella pratica dell’agricoltura naturale, diamo spazio alla sperimentazione di varie tecniche, secondo i talenti e le conoscenze dei membri del gruppo, come pure alla ricerca di bellezza e armonia.

Crediamo che sia importante entrare in contatto con la nostra parte selvatica risvegliata dalla vita in natura.

Favoriamo il contatto dei bambini con la natura, la terra e gli orti, nel rispetto del prezioso lavoro agricolo.

Abbiamo rispetto di ogni forma vivente.

Scegliamo di non allevare animali per mangiarli, ma di utilizzarne i prodotti e il lavoro con gratitudine e cura.

L’introduzione di nuovi animali, da compagnia o funzionali che siano, sarà oggetto di una valutazione del gruppo, volta per volta, lasciando maggiore autonomia negli spazi privati, ma chiedendo comunque a tutti di ispirarsi alla visione comune.



Costruire

Nell’ecovillaggio gli edifici saranno funzionali alla comunità e alle esigenze dei suoi membri.

A ciascuno la libertà di pensare e costruire la propria abitazione, nel rispetto delle esigenze della comunità, dove i bisogni del collettivo prevalgono come valore sulle ambizioni individuali.

Portiamo attenzione al ciclo di vita dei materiali e alla loro impronta ecologica.

Favoriamo un’edilizia essenziale e a basso impatto economico, affinché il nostro abitare naturale non sia proibitivo.

Vogliamo creare spazi comune, e chiediamo a ciascun membro della comunità un impegno economico e di opere per realizzarli e sostenerli.

Portiamo attenzione, nella progettazione, alla bellezza e all’armonia tra gli edifici e con il contesto e il paesaggio, come pure a valorizzare le energie e le risorse del luogo e a rispettarne i limiti.

Promuoviamo l’autocostruzione partecipata, come pratica di mutuo sostegno e di riduzione dei costi, di rapporto diretto con gli spazi che ci accolgono e ci sono di rifugio.



Tecnologie

Utilizziamo tecnologie, apparecchiature e strumenti durevoli, con i quali valorizzare i talenti dell’uomo e le energie del luogo. Nella scelta delle tecnologie le valutiamo in base ai benefici reali che apportano e al loro impatto ecologico, senza essere succubi della fascinazione dell’innovazione continua fine a se stessa.

Portiamo attenzione a che l’uso delle tecnologie avvenga nel rispetto dei ritmi e degli spazi della comunità, e che non sia d’intralcio alle relazioni naturali in famiglia e tra gli abitanti della Corte del Vento.

Incentiviamo l’autoproduzione, il riuso, il riciclo, la condivisione, e la progettazione attenta dei cicli di azione quali strumenti principali per ridurre il nostro fabbisogno di adottare, e far produrre, nuovi strumenti.

Vediamo una Corte del Vento che non produca rifiuti.



Cultura e educazione

Vogliamo creare spazi e strutture per l’educazione e la condivisione di conoscenze per grandi e piccoli.

Ogni famiglia sceglie per i propri figli i percorsi educativi in autonomia, ma favoriamo forme di educazione parentale e libertaria condivise, a contatto con la natura, come pure il mutuo aiuto tra genitori.

Riconosciamo i bambini quali semi del futuro, ne valorizziamo la partecipazione attiva alla comunità, alla progressiva presa di responsabilità secondo le capacità, allo sviluppo dei talenti e all’espressione della creatività. Proteggiamo la sacralità del rapporto tra genitori e figli e il tempo che a questo va riservato.

Rispettiamo la cultura del luogo, degli antenati e di tutti quei popoli che sono custodi premurosi e sapienti delle terre che abitano.

Favoriamo la lettura, la creazione di una comune biblioteca/videoteca, lo scambio di testi, conoscenze, antichi e nuovi saperi che esaltino l’applicazione della visione comune.



Corpo e spirito

Ci prendiamo cura del corpo e dello spirito, celebrando ed essendo grati per la vita che abbiamo l’opportunità di vivere qui e ora.

Abbiamo cura della salute del corpo fisico tramite stili di vita attivi, incentivando pratiche di consapevolezza corporea e tramite un’alimentazione attenta alla qualità e varietà delle materie prime, all’energia insita nei cibi e correlata alla provenienza e alle lavorazioni che hanno subito, favorendo anche la raccolta delle piante spontanee che ogni stagione ci dona. Una simile attenzione la portiamo anche per l’alimentazione degli animali della Corte.

Siamo aperti verso tutte le manifestazioni di tipo spirituale e la loro condivisione, senza la ricerca di un’unica visione spirituale come gruppo, ma celebrando le diversità che ci sono tra noi.

Celebriamo il contatto diretto e rispettoso con gli elementi della natura e favoriamo la consapevolezza di chi vive la comunità rispetto allo spirito del luogo (genius loci).

Abbiamo rispetto profondo per i grandi momenti dell’esistenza, rispettando la sacralità della gravidanza, favorendo il parto in casa, l’allattamento naturale al seno, l’educazione consapevole, l’accudimento nella malattia, la tutela di una vecchiaia e di una morte vissute con dignità e autodeterminazione.

Il lavoro su di sé, di ricerca della felicità, benessere, armonia e consapevolezza, è un grande dono che ciascuno può portare alla comunità, ed al contempo una responsabilità per uno star bene con il gruppo e del gruppo.

Incentiviamo il tempo e le occasioni per il gioco, la danza, le arti come vie per il fiorire di anima e corpo.



Economia

L’economia è essenziale in un ecovillaggio, perché si possano sviluppare tutte le altre sostenibilità (sociale, abitativa, ecologica, spirituale, alimentare…).

Vogliamo creare risorse economiche, sulla base di pratiche e materie prime che rispettino i principi della sostenibilità naturale ed umana, che permettano alla comunità di svilupparsi e crescere, dando la possibilità a ciascuno di partecipare, senza togliere la possibilità che ciascuno possa anche produrre reddito fuori dalla comunità.

Nelle scelte della comunità, valutiamo non solo i costi economici ma anche quelli energetici globali, affinché i nostri risparmi non si traducano in un costo per l’ambiente.

Favoriamo forme economiche non monetarie, che contemplino lo scambio di prodotti e servizi, la banca del tempo, il mutuo aiuto.

Secondo le possibilità del momento, sosteniamo i membri della comunità nello sviluppo dei propri talenti ed idee, affinché si possano tradurre in occasioni di autosostentamento individuale e della comunità tutta.

Ciascuno è responsabile del proprio autosostentamento, ed eventuali accordi di sostegno da parte della comunità verso i singoli andranno sempre esplicitati e soggetti al comune assenso.

Ciascun membro è tenuto a prendere parte ai costi collettivi, anche in forme diverse (soldi, opere, lavoro, servizi, ecc.) secondo accordi che si andranno a definire e a rinnovare nel tempo.

 




Lavori su Vision e Mission fatti tra il 2016 e il primo semestre 2017

 

 

 

 

English version

English version

Contatti e Dove siamo

 

L'ecovillaggio sta sorgendo in zona contrà Gierte, su un pianoro soleggiato a 700 metri di altitudine, a San Rocco di Tretto, nel comune di Schio (VI).

 

coordinate GPS: 45°45'31.0"N 11°21'49.2"E

 

 

 

Se vuoi venire a trovarci, contattaci prima se puoi.

 

 

Contatti

  

phone 1+39 0445 08 00 07

+39 328 915 0076 (tel; wapp; telegram); +39 370 316 2267 (tel; sms)

 

  

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.email 2 icon

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

Come raggiungerci

 

Transport Train iconIn treno puoi arrivare sino alla stazione ferroviaria di Schio, che è capolinea della tratta ferroviaria Vicenza - Schio. Vicenza è a sua volta raggiungibile da Padova, Treviso e Verona tramite treni regionali (che consigliamo, rispetto a treni più veloci ma sicuramente più cari e che non impiegano molto tempo in meno su tratte brevi o locali).

Per informazioni su biglietti e coincidenze ti suggeriamo il sito  www.trenit.it  che integra orari Trenitalia, Italo e tratte su Bla Bla car.

 

 

 

bus icon

Da Schio puoi raggiungere la piazza di San Rocco di Tretto, che dista 600 metri da noi. Il servizio è fornito dalla società Bristol, tramite una linea diretta ed una che arriva a San Rocco dopo essere passata per Bosco di Tretto.

Ecco il sito con gli orari: http://myphttp1.altovicentino.it/alfstreaming-servlet/streamer/resourceId/c9a40f1a-d818-4f7a-9d18-584decbefb5b/trasporto_bristol_Tretto.pdf

Per sintetizzare, da Schio ci sono le seguenti corsa (da lunedì a sabato): 6.05, 6.30, 11.20, 13.55, 17.50. Da San Rocco invece: 6.35, 6.55, 12.00, 14.20, 18.25.
Se non riesci a trovare un orario utile puoi chiederci un passaggio, ma in questo caso ti chiediamo di avvisarci per tempo in modo da poterci organizzare.

 

 

car

In auto siamo a circa 10 minuti da Santorso e 15 dal centro di Schio. I caselli autostradali più vicini sono Thiene-Schio e Piovene Rocchette, entrambi sulla A31.

Se usi il navigatore, Corte del Vento è presente come luogo su Google maps.

 

 

 

 

 

 

La Comunità

La Corte del Vento è un luogo con una presenza e personalità proprie, come può sperimentare chiunque venga qui.
Noi ne siamo i custodi, i prossimi abitanti, gli agricoltori, i celebratori… in altre parole la comunità che la anima, assieme ai molti esseri ed elementi del mondo naturale.

Eccoci qui

 

Erica

Erica e modellino Casa Madreericaorto

Mi chiamo Erica e vivo tra le montagne da molti anni. 

Ho già fatto un'esperienza​ di vita comunitaria sull'appennino toscano, nella quale ho sperimentato autosufficienza e abbondanza nonostante lo stile di vita semplice.

 

Il contatto con la terra è la mia linfa vitale, ciò che mi anima e nutre.
Il mio rapporto con l'agricoltura e più in generale il mio stile di vita si fonda sull'imitazione dei modelli naturali.

Ho incontrato la Corte del Vento perché le vicende della vita mi hanno portato qui vicino, proprio in un periodo in cui stavo cercando occasioni o luoghi per creare alternative sostenibili.

Mi auguro che si rafforzi in questo luogo una comunità di persone che riescano a produrre resilienza permanente e a mettere in atto la Visione che abbiamo scritto assieme.

 

  

Alessandro

Foto Alessandro ZaneSono Alessandro, ho scelto di vivere in contatto con la natura perché mi sento parte della natura, e la vita comunitaria perché mi riempie di vita intrecciare il mio percorso con il percorso di altre persone.

 

 

 

 

 

 

   

Barbara

Barbara mindfulness ott 2017Mi chiamo Barbara e faccio parte del progetto dal 2010. 

Una parte di me fa già parte di questi luoghi ... mia madre è del Tretto.

Desidero vivere in armonia con la natura, in leggerezza e consapevolezza. Foto di gruppo Corte del Vento 2017

Amo la natura, la montagna, lo sport, gli animali, ballare, viaggiare e circondarmi delle cose belle.

Amo sentire il profumo ed il calore del legno ed un mio sogno è vivere in una casa autocostruita con materiali genuini in armonia con la natura.

Amo coltivare relazioni, gli abbracci e ridere.

Amo la Vita.

 

 

 

 

Lia

FB IMG 1490122768074

Sono Lia e mi sono avvicinata a questo progetto nel 2012. 

Il vento è sempre stato molto importante nella mia vita, e pur avendo frequentato il gruppo del vecchio progetto in maniera meno assidua di altri, sono sempre stata presente nei momenti cruciali. Scelta nome Corte del VentoRicordo la sera in cui dovevamo scegliere il nome dell’ecovillaggio. Non sapevo nulla dei lavori fatti in precedenza per sondare il campo, e alla fine le preferenze del gruppo erano separate a metà tra Corte Granda e Col del Vento.

Ho dato il suggerimento di unire i due nomi, la Corte, che rendeva onore alla comunità, e il Vento, energia dominante e parte del nome del luogo, e così il gruppo ha scelto il nome Corte del Vento.

Mi auguro che il vento porti semi di vita, che ci dia la sua forza e la sua dolce freschezza.

 

 

 

   

 Andrea

Andrea

Fin da ragazzo mi ha appassionato co-creare con gli altri occasioni di bellezza, creatività, dialogo, inclusione, relazione e star bene. Dai giornalini d’istituto, all’associazionismo studentesco, dalle mostre d’arte collettive tra giovani artisti all’impegno sociale e politico.
Poi la scoperta del mondo del contatto. Quello con le mani, nel massaggio, quello tra gli animi e le energie, quello con ciò che è dentro me, in consapevolezza, in meditazione.
Da sempre poi un senso di profondo nutrimento nello stare in natura, un rispetto per gli elementi che con il tempo viene rafforzato dalle conoscenze dei popoli nativi.
Accanto la vita “normale” scorre, il lavoro e le altre faccende, ma ciò che è davvero importante non posso più relegarlo ai weekend esperienziali, ai corsi, all’organizzazione di eventi. Sento il bisogno che ciò che è importante occupi la parte prevalente del mio tempo, e sento che vorrei condividere le mie giornate con una tribù di simili, che agiscono con il cuore e la pancia e non solo con la testa, che non hanno timore di entrare in relazione, che si sentano parte di un tutto, da rispettare e di cui prendersi cura, che siano folli e belli, fieri della propria forza e onesti con le proprie debolezze.
Avevo sentito parlare di gente che viveva assieme in comunità e accarezzavo l’idea, chissà mai quanto lontana nel tempo, che un giorno ci sarei potuto andare a vivere anch’io. Era fine 2008.
Nel 2009 mi arriva la notizia che qui a Schio, dove già vivevo, c’era un gruppo che voleva fondare un’ecovillaggio. Cerco un contatto, e mi incontro con Fabio, che già conoscevo. Un giorno di sole sul terrazzo di Casa Esta, il cohousing che da pochi giorni il proto-gruppo comunitario stava abitando, e c’è tra noi un dialogo di cuore e di apertura. Quel giorno si accende un sì dentro di me, un sì che negli anni non ha più vacillato, una scelta che si è rafforzata e della quale ringrazio ancora.
Da allora tanta vita e incontri, conoscenza, trasformazioni, sofferenze, lacrime, sorrisi, scontri, conflitti, intuizioni, visioni, azioni. San Rocco Community, danza e fatica, desiderio di indirizzare e proteggere, rendermi conto che tutto quanto stava avvenendo andava già bene così. Piano piano entro in relazione con il luogo, che si fa chiamare Corte del Vento. Con il suo spirito, che nell’anno buio in cui tutto sembrava perduto, interrogo e mi risponde, con la Casa Madre, che incompiuta restava al centro, nella quale entravo come luogo sacro portando il peso delle incertezze profonde e la luce di quel sì che ormai era un lumicino. Ne uscivo ogni volta rafforzato e sollevato, con una gioia e una determinazione radicate che mi hanno permesso di essere a servizio e testimone della rinascita del progetto. Era il 2017.
In questi anni nel mezzo ho cercato di dare un significato alla parola ecovillaggio e comunità, scoprendolo nelle esperienze degli altri, in Italia e all’esterno. Migliaia di chilometri e, messi assieme, mesi di incontri con il popolo multicolore della RIVE e dei cohousing, dei permacultori e dei transizionisti. In RIVE soprattutto sono cresciuto, ho ricevuto e ho potuto dare, ho partecipato a una trama di esperienze e informazioni, di vite coraggiose e semplici, di scelte radicali e di serenità con l’essenziale, che mi hanno dato forza e grande ispirazione.
Ringrazio anche Erica, che negli ultimi anni è stata una grande anima del luogo e della rinascente comunità, mia figlia Amaltea, che mi dà un motivo in più per essere qui, e ringrazio tutti coloro con cui ho condiviso comunità dal 2009 ad oggi.
Adesso sono aperto al futuro, a quello che avverrà qui alla Corte, a quello che attrarremo con la nostra Visione e il nostro fare, a camminare assieme a miei compagni di viaggio, a lavorare e a celebrare, ad accogliere le molte pagine che ancora sono da scrivere.
Con tutto me stesso, oltre me stesso.

 

 

Ultimi articoli del blog

Benvenuti i volontari!

Volontari alla Corte

 

La Corte del Vento è aperta ad accogliere volontari per i mesi da agosto ad ottobre per lavori agricoli negli orti comunitari, con la supervisione di Erica Giordani (docente Agricoltura Sinergica), e per piccoli lavori di autocostruzione e manutenzione delle strutture comuni dell'ecovillaggio, con la guida di Alessandro, carpentiere, idraulico e artigiano.

Offriamo vitto e alloggio (tenda propria o roulotte), e la partecipazione alla vita comunitaria, ai cerchi emotivo/decisionali, agli eventi della Corte, e approfondimenti possibili sulla realtà degli ecovillaggi italiani, su facilitazione e metodi decisionali consensuali.

 

Per informazioni o per prenotarvi:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   +39 348 512 2088 (Alessandro)

 

 

Pranzo assieme   Volontari in cucina   Volontari e roulotte Dumbo

 

Leggi tutto

Oltre le aspettative, entriamo nella stagione del fare

P 20180707 161229 rev

 

Stamane si aprono le nuvole e filtrano leggeri raggi di sole. Attraverso il vetro sul tetto della Casa Madre si vede il cielo.
Come comunità abbiamo continuato a guardare con fiducia al cielo e alla terra di questo luogo, chiamato Corte del Vento, riconoscendo che è un posto che chiama le persone a stare assieme.

La fiducia incrollabile, tanto lavoro e l’incoraggiamento di amici e visitatori, ci hanno consentito di raggiungere un traguardo che fino a non molti mesi fa poteva essere solo che una fantasia.

Il 21 giugno abbiamo fatto l’inizio lavori del cantiere per i primi due edifici dell’ecovillaggio, riuscendo al contempo a restare nei tempi per l’erogazione del finanziamento a fondo perduto di cui godranno 6 dei 7 alloggi previsti nelle prime due case.

21 giugno, un giorno non a caso, l’inizio dell’estate, il passaggio dalla primavera, stagione del pianificare e del progettare, alla stagione del fuoco del fare, della piena attività. Per noi la stagione del pianificare è durata qualche mese, ma anche molti anni, e ora che inizia un fare tanto atteso il cuore ride di gioia e ringrazia.

Nel frattempo continua il nostro processo di costruzione della Comunità, che cresce con l’arrivo di nuove persone e di altre ancora che si avvicinano. Restiamo aperti a camminare assieme con chi è interessato a conoscerci e frequentarci, nei modi dei quali abbiamo già scritto (articolo il-nostro-cammino-continua). Come ulteriore sostegno, c’è ancora la possibilità di fruire dei finanziamenti in un paio di alloggi.

Grazie, shukran, namastè.

 

IMG 20180621 WA0001  IMG 20180621 WA0004

 

Leggi tutto

Insieme: terra, bosco e ispirazione

Campone di San Rocco

 

La primavera è alle porte, gli uccellini cantano e le primule sbocciano.

Per chi è interessato a vivere l’agricoltura naturale e comunitaria, in un contesto montano, qui a San Rocco di Tretto coltiviamo un campo da 3000 metri circondato da boschi e ambiente selvatico.

Chi viene potrà contribuire e sostenere il progetto comunitario della Corte del Vento e al contempo acquisirà conoscenze di etiche, principi e pratiche permaculturali.

ll lavoro pratico consisterà in semine, trapianti, pacciamature e ad eventuali altri lavori in base al bisogno.

Fateci sapere quando siete disponibili che ci organizziamo assieme.

 

 


 

20160617 173334 resized
20160617 180301 resized
P 20170425 143918
P 20170425 145610 resized
P 20170531 185715 resized
P 20170602 164804 resized
P 20170615 170159 resized
ericaorto
ericaorto7 resized

Leggi tutto

Il nostro cammino continua!

 

 

TOP ECOVILLAGGIO 1913x1080

 

A metà febbraio abbiamo condiviso con il mondo, le persone care e i conoscenti, questa grande opportunità a sostegno del nostro progetto comunitario e del suo tradursi velocemente in abitazioni e abitanti per la Corte del Vento.

Quella notizia ha fatto più volte il giro d’Italia, è stata letta da oltre 17mila persone, ha scaturito sostegno, auguri, vivo interesse. Molti sono venuti a trovarci, molti ancora stanno programmando visite, per conoscerci meglio, vedere il luogo, capire se ecovillaggio può essere qualcosa che fa per loro e se questo è il luogo dove praticare comunità.

Abbiamo conosciuto molte belle persone, ricevuto il dono di tanto supporto.

 

Avevamo dato una data limite per decidere: aprile. Con l’andare degli incontri ci rendevamo conto che anche se l’interesse era molto vivo, i tempi su cui ci stavamo tarando per stare dentro a questa opportunità erano troppo stretti per consentire di prendere una decisione così importante, che mette in gioco così tanti piani, da quello economico, allo stile di vita, all’adesione ad una comunità, ai programmi di trasferimento, all’immaginarsi forse con un lavoro diverso.

 

Per fortuna, anche se il caso non esiste, siamo contenti di poter annunciare che ancor prima della scadenza che ci eravamo fissati siamo riusciti a raggiungere un grande obiettivo: si è consolidato un primo gruppetto che consentirà di partire con i lavori di base per entrambi gli edifici previsti e di ultimare il primo edificio nel giro già di meno di un anno. In questo primo edificio ci saranno anche ampi spazi per la comunità. Dunque, andiamo avanti!

Questo ci consente anche di ricevere i finanziamenti di cui vi avevamo accennato e ci dà il tempo per decidere in un secondo momento, in corso d’opera e probabilmente verso fine anno, quali saranno i nuclei che andranno ad avere l’opportunità di abitare il secondo edificio.

 

Nel frattempo diciamo a tutti gli interessati che da fine aprile ci apriamo ad un cammino collettivo con chi vorrà avvicinarsi alla comunità, sostenerla, viverla, e sperimentarsi con questa nuova e intensa dimensione di vita e cooperazione. Sarà un percorso di arricchimento per tutti, nel quale poter coltivare, fare, mangiare, raccogliere, parlare, condividere assieme, qui alla Corte del Vento. Strada facendo ci conosceremo, co-creeremo bellezza e opportunità, capiremo in modo intimo e immediato, con la pancia, la testa e il cuore, se avremo voglia di far parte della stessa comunità.

Questo percorso è aperto anche a chi non ha intenzione di acquistare/costruire un alloggio alla Corte, perché magari abita già qui vicino, o perché è interessato ad affittare qualcosa qui nei pressi. Ricordiamo che l’appartenenza alla nostra comunità non coincide necessariamente con l’abitare proprio alla Corte del Vento, ma nel riconoscersi nella Visione comune e praticarla, nel sostenere e prendere parte attiva alla vita di comunità, assumendosi responsabilità e portando il proprio attivo e continuativo contributo di energie e presenza. Abitare qui in zona è essenziale, ma è solo l’ultimo passaggio di un appassionante e intenso percorso di conoscenza e speriment-azione reciproca.

 

Se vuoi aderire a questo percorso contattaci.

 

Ci sono infine anche molti modi per avvicinarsi alla comunità: come volontario, come ospite, come interessato… Per fare chiarezza, ecco un documento in cui riassumiamo i modi principali:  cortedelvento.org/come-camminare-con-noi.html

 

Dietro le diverse categorie c’è un diverso intento con cui ci si avvicina, diverse modalità e disponibilità, ma un comune interesse al condividere idee e soluzioni di sostenibilità, innovazione e collaborazione, riconoscendo “che il luogo e la presenza del gruppo sono già un dono che si riceve” che supera quanto portiamo in dono.

E questo vale per tutti e per ciascuno, da chi ha aderito anni fa a chi deve ancora arrivare.

 

 

Leggi tutto

Celebriamo la rinascita

Celebriamo la rinascita

Per chi conosce la Corte del Vento, sapere che il progetto è ripartino, con un gruppo nuovo e al contempo radicato nel luogo, è stata fonte di sollievo, di gioia, di emozioni varie che hanno voluto condividere con noi in una serie di messaggi che ci sono arrivati per molte vie.

Qui condividiamo quelli di chi ci ha dato il consenso per pubblicarli.

Se anche tu ci conosci, da poco o tanto, e vuoi lasciare un messaggio su questa bacheca, lascia un commento all'articolo o scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto

Lettera ai nostri futuri compagni di cammino

 

Casa Madre

 

Qui alla Corte del Vento abbiamo ricevuto una grande opportunità. In questo momento di consolidamento della comunità e di ripresa del progetto, sono arrivati anche dei finanziamenti a fondo perduto per la costruzione di alloggi.

È un’occasione che ha dei tempi stretti per essere colta, e stiamo cercando un altro paio di nuclei familiari che siano in risonanza con la nostra Visione, che si sentano chiamati alla vita in una comunità intenzionale sostenibile, che abbiano le possibilità economiche di base per iniziare questo cammino assieme e il tempo e le energie per sostenerlo.

Per decidere c’è tempo fino a fine aprile.

Speriamo nell’arrivo di famiglie giovani, con figli, ma al contempo siamo sicuri che arriverà chi deve arrivare, e ogni cosa andrà per il bene. Ci sentiamo sostenuti e protetti.

Se sei interessato personalmente scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., per un primo contatto.
Se sai di un tuo amico o conoscente che potrebbe essere interessato, giragli la notizia.

Ringraziamo chiunque ci sostenga, in qualsiasi modo, in questo nostro viaggio verso la costruzione di un ecovillaggio!

 

 Progetto Ecovillaggio

 

 

English version

English version


Leggi tutto